Covid-19: la situazione in Lombardia aggiornata a sabato 16 maggio

Da lunedì parte la fase 2 Bis, con un numero importante di nuove aperture. Pur comprendendo benissimo le necessità economiche e sociali, non vi nascondo la mia preoccupazione dato che la situazione in Lombardia non è rassicurante.
Il Governo e le Regioni hanno prodotto il testo delle «Linee di indirizzo per la riapertura delle Attività Economiche, Produttive e Ricreative». Le Regioni hanno chiesto di poter poi intervenire con proprie ordinanze per eventuali ulteriori restrizioni. Così hanno fatto per esempio Piemonte e Toscana. Dovremmo farlo anche noi dato che

  • facciamo ancora pochi tamponi
  • i risultati arrivano in grande in ritardo
  • la delibera per i test sierologici è un pasticcio
  • le USCA sono ancora poche
  • le nostre ATS non sono pronte per un monitoraggio puntuale dei contatti dei positivi.

Il personale sanitario e i lombardi tutti hanno dato prova di grande responsabilità e abnegazione, ma il sistema sanitario della nostra regione potrebbe non essere pronto ad una seconda ondata di contagio: i correttivi inseriti sono largamente insufficienti.

Qui la dashboard coi dati interattivi.