Covid-19 in Lombardia: l’analisi dati di mercoledì 7 aprile

Il commento ai dati del Covid-19 in Lombardia

Nell’ultima settimana, di tutte le province lombarde solo Como ha registrato più di 250 casi ogni 100.000 abitanti. A Bergamo, Lecco, Lodi, Milano e Pavia il numero di casi è rimasto sotto i 200. La media regionale è di 202 casi per 100.000 abitanti.

Nell’analisi di settimana scorsa parlavamo di un benefico effetto Figliuolo/Curcio sulla Lombardia ma oggi dobbiamo purtroppo constatare che ci sono ancora diverse criticità.
Per le vaccinazioni degli over80, ad esempio, è di nuovo caos: le affermazioni della vicepresidente Moratti che aveva aperto le vaccinazioni a tutti gli over 80, indipendentemente dalle prenotazioni, poi smentite timidamente da Bertolaso hanno generato confusione. Infatti, da molte parti della Lombardia sono arrivate segnalazioni di disservizi. Difficilmente tutti gli over80 che hanno aderito alla campagna riceveranno la propria dose entro domenica 11 aprile. Questa confusione indica che da Regione Lombardia si fanno annunci senza avere la sicurezza di ciò che si dice. E questo è un ulteriore problema.

I numeri del Covid-19 in Lombardia

20.327 nuovi positivi questa settimana, circa il 26% in meno di quanto rilevato nella scorsa settimana (erano 27.534) e circa il 32% in meno di quella precedente (erano 30.002).
Il numero dei decessi settimanali è in leggera diminuzione rispetto a quanto rilevato la scorsa settimana, e in crescita rispetto alla settimana precedente: oggi sono 638, circa il 2% in meno della scorsa settimana, quando erano 650 (in quella precedente erano 626, e prima ancora 536).
Si rileva, finalmente, una diminuzione del numero di casi positivi mentre il numero dei decessi si stabilizza e potrebbe diminuire in maniera più significativa nelle prossime settimane.
Nella settimana che si chiude oggi sono stati comunicati circa 290 mila tamponi, di cui 195 mila molecolari e 95 mila antigenici, un numero decisamente inferiore a quanto registrato nelle ultime settimane (evidentemente c’è stato un effetto «pasquale»).
La percentuale di tamponi positivi per le persone «nuove» sottoposte al test rimane stabile intorno al 35%. Si tratta ancora di un valore molto alto: è chiaro che non si riescono ad effettuare tutti i tamponi necessari per un corretto controllo del contagio.
Diminuiscono i ricoverati, sia in terapia intensiva (sono 29 meno della scorsa settimana) sia NON in terapia intensiva (sono 438 meno della scorsa settimana).

La situazione nelle province della Lombardia

Osservando l’andamento delle ultime quattro settimane, le province lombarde si possono dividere nei seguenti gruppi:

  • Nelle province di Brescia, Cremona, Lecco, Mantova, Monza e Pavia si rileva una diminuzione compresa tra circa il 40% e il 56%;
  • Nelle province di Bergamo, Como, Lodi, Milano, Sondrio e Varese la diminuzione è compresa tra circa il 25% e il 35%;
  • Solo nella provincia di Como il numero di casi settimanali risulta superiore ai 250 casi ogni 100.000 abitanti.

Nelle province di Bergamo, Lecco, Lodi, Milano e Pavia il numero di casi settimanali scende anche sotto i 200 casi ogni 100.000 abitanti.

Si aggiunge oggi una slide in cui viene riportato l’andamento delle vaccinazioni effettuate in Lombardia su base settimanale. Si rileva come oggi siano disponibili più di 700 mila dosi non ancora somministrate!