Covid-19 in Lombardia: l’analisi dati di mercoledì 28 aprile

Il commento ai dati del Covid-19 in Lombardia

Bertolaso torna a Roma: ha legato il suo nome a un’evidente inefficienza della prima fase della campagna vaccinale (over80). Si è svoltato solo quando è arrivato il generale Figliuolo e la Regione Lombardia si è adeguata in tutto e per tutto alle indicazioni nazionali.

Si registrano ancora forti discrepanze nella capacità vaccinale delle singole province. Sembrerebbe che i vaccini siano distribuiti in maniera disomogenea nel territorio lombardo. Inoltre, non è ancora stato risolto il problema degli spostamenti extra-provinciali per ottenere il vaccino di cui si parla da settimane: a tal proposito, ieri ho presentato richiesta di accesso agli atti per sapere quanti vaccinandi della provincia di Varese siano stati inviati fuori dalla provincia e viceversa.

La strategia migliore, infine, non può concentrare tutta la potenza di fuoco nei grossi hub vaccinali (che funzionano bene e sono utili) ma abbiamo bisogno anche di hub territoriali, così come chiesto dai Sindaci ad inizio del 2021.

I numeri del Covid-19 in Lombardia

Il numero dei casi positivi di quest’ultima settimana è pari a 13.776, circa il 3, 6 % in meno di quanto rilevato nella scorsa settimana (erano 14.286) e circa il 1 5 % in meno di quella precedente (erano 16.227).
Il numero dei decessi diminuisce sia rispetto alla scorsa settimana che rispetto alla precedente: oggi sono 331, circa il 28, 7 % in meno della scorsa settimana, quando erano 464 (in quella precedente erano 612).
Il numero di casi positivi continua a diminuire e così anche il numero di decessi subisce una significativa diminuzione.
Nella settimana che si chiude oggi sono stati comunicati circa 298 mila tamponi, di cui 190 mila molecolari e 108 mila antigenici, un numero in linea a quanto registrato nelle ultime settimane.
Anche la percentuale di tamponi positivi per le persone “nuove” cala dal 20% circa della scorsa settimana al 13% circa di questa.
Diminuiscono i ricoverati, sia in terapia intensiva (sono 92 meno della scorsa settimana) sia NON in terapia intensiva (sono 815 meno della scorsa settimana).

La situazione nelle province della Lombardia

Osservando l’andamento delle ultime quattro settimane, le province lombarde si possono dividere nei seguenti gruppi:

  • Bergamo, Mantova, Milano, Monza, Pavia, e Varese registrano una diminuzione tra il 20 e il 29%;
  • Como, Cremona e Lodi registrano una diminuzione tra il 30 e il 39%;
  • Brescia, Lecco e Sondrio registrano una diminuzione maggiore al 40%.

Nessuna delle province lombarde registra più di 200 casi ogni 100.000 abitanti. Il valore più alto si registra a Varese con 186 casi ogni 100.000 abitanti. La media lombarda è 137 casi ogni 100.000 abitanti.

Si rileva come oggi siano disponibili più di 237 mila dosi di vaccino non ancora somministrate.