Covid-19 in Lombardia: l’analisi dati di mercoledì 28 luglio

Il commento ai dati del Covid-19 in Lombardia

Assestamento al bilancio di Regione Lombardia:

Assieme al Gruppo PD Lombardia abbiamo chiesto risorse per fronteggiare l’emergenza medici di base, con incentivi per coprire gli ambiti carenti da almeno 6 mesi, sostenendo le spese per l’assunzione di infermieri e amministrativi e fondi per aumentare l’entità delle borse di studio per gli specializzandi in medicina generale. Abbiamo, inoltre, chiesto risorse per finanziare una task force di mille professionisti da impiegare nel tracciamento dei positivi. In risposta abbiamo ricevuto un secco “no” che è un no alla richiesta di  cura dei cittadini lombardi e un disimpegno verso le carenze del sistema sanitario tragicamente evidenziate dalla pandemia;

Una nota positiva c’è: grazie ad una proposta presentata dal mio collega e amico Pietro Bussolati il “Test prenatale non invasivo (NIPT)” sarà gratuito e accessibile in via sperimentale per le future mamme, come succede già da diversi anni in Emilia-Romagna. Un gesto concreto che permetterà di accertare lo stato di salute del feto senza ricorrere a test invasivi, risparmiando fino a mille euro.

I numeri del Covid-19 in Lombardia

3.777 positivi, con un aumento del 36,5% rispetto alla settimana precedente (erano 2.766) e circa il 128% in più di quella precedente (erano 1.656);. Il numero dei decessi (6) diminuisce del 45% rispetto alla scorsa settimana e a quella precedente quando erano 11(va fatto notare che questo dato è soggetto a delle variazioni dovute probabilmente ad aggiornamenti). Il numero di casi continua ad aumentare mentre diminuisce il numero di decessi.

220 mila tamponi settimanali, di cui 105 mila molecolari e 115 mila antigenici, un numero troppo lontano da quelli registrati prima del mese di maggio in cui i valori si attestavano attorno ai 300 mila tamponi settimanali. Il tracciamento è fondamentale in questo momento. Aumenta la percentuale di tamponi positivi che passa dall’4,75% di settimana scorsa al 6,4% di questa. Aumentano anche sia i ricoverati in terapia intensiva (1 in più rispetto a settimana scorsa) sia quelli NON in terapia intensiva (sono 62 in più rispetto alla scorsa settimana).

La situazione nelle province della Lombardia

Mantova registra il dato più alto con 65 casi ogni 100.000 abitanti. Lecco ha il dato più più basso con 12, Varese è a 62. La media lombarda è 38.